April Wrap Up

In questo mese d’Aprile le mie letture sono state piuttosto variegate, spaziando da crime a contemporary a romanzi storici. Eccone un piccolo riassunto:

Distorted Fables

Deborah Simeone

Mondadori

2017

Un debutto che mi ha colpita in positivo, una storia non molto intricata forse, ma divertente e leggera con una protagonista un po’ allergica all’umanità. 3/5 stelle. Qui la recensione.

Cose che non voglio dimenticare

Lara Avery

Mondadori

2017

Cose che non voglio dimenticare è uno young adult particolarmente commovente sul vivere nel momento e sull’importanza dei ricordi. La voce di Sammie, protagonista determinata e sincera, mi è rimasta particolarmente impressa. 4/5 stelleQui la recensione.

Chi sta male non lo dice

Antonio Dikele Distefano

Mondadori

2017

Un libro che mi ha lasciata un po’ perplessa. Un romanzo che è più un racconto, dei protagonisti che sono più un insieme di frasi, una storia che è più un episodio. In sintesi, non è un genere di storytelling che riesco ad apprezzare. 2/5 stelle. Qui la recensione.

Il Baco da Seta (Cormoran Strike #2)

Robert Galbraith

Salani

2015

Continua la mia ossessione per questa serie, tanto che ad Aprile ho letto gli ultimi due volumi che avevo arretrati e adesso mi tocca aspettare impazientemente l’uscita del prossimo. Non ho molto da aggiungere rispetto alla recensione del primo romanzo: un caso intricato e ben strutturato, uno stile incredibilmente addicting e dei personaggi carismatici. 4/5 stelle.

La Via del Male (Cormoran Strike #3)

Robert Galbraith

Salani

2016

Ne La Via del Male gli schemi dei precedenti due volumi vengono un po’ rotti, sia perché il caso in questione e le vite personali di Robin e Strike si intrecciano, sia perché ci è dato il punto di vista dell’assassino. Che dire, l’ho adorato esattamente quanto gli altri due (è straordinario quanto sia costante il livello della serie) e sono in profonda crisi d’astinenza. Non vedo proprio l’ora di avere fra le mani la prossima indagine di Cormoran Strike. 4/5 stelle.

Le confessioni del cuore

Colleen Hoover

Leggereditore

2015

Meh. Immagino che si possa sintetizzare così il mio pensiero sul Le confessioni del cuore. L’idea di base è pazzesca, e io adoro lo stile di CoHo, ma, francamente, la storia è banale e la relazione tra i protagonisti (estremamente piatti già di loro) ben poco coinvolgente. 3/5 stelle.

Non so chi sei ma io sono qui

Becky Albertalli

Mondadori

2016

Una storia incredibilmente tenera, prevedibile ma molto divertente. Forse un po’ corta, ma con un protagonista carismatico. Scritta in uno stile non particolare, ma molto scorrevole. Insomma, i difetti del libro sono bilanciati dai suoi pregi, in un equilibrio ammirevole. 4/5 stelle.

La debuttante

Lesley Lokko

Mondadori

2017

Un romanzo complicato, ricco di spunti di riflessione e piacevole da leggere, ma con i suoi continui salti temporali finisce per lasciare storylines a metà e personaggi solo abbozzati. 3/5 stelle.

E anche per questo mese è tutto, come sono andate le vostre letture?

Lascia un commento

*